Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Buona navigazione!

Approvo
Con lo spettacolo …e il vecchio fiume ricorda… il Gruppo Popolare Contrade ha vinto il premio assegnato alla migliore compagnia nella terza edizione (2004/2005) del Concorso teatrale dialettale, organizzato dal Circolo “Noi S. Bartolomeo” di Villabartolomea – Verona, con la seguente motivazione: “Lavoro teatrale improntato ad originalità, coralità e coinvolgente sensibilità dei contenuti, non disgiunti da efficace tecnica teatrale”.

Con lo spettacolo “50 MA NON LI DIMOSTRA”, nel mese di gennaio 2006, il Gruppo Popolare Contrade ha partecipato alla 26.ma RASSEGNA NAZIONALE DEL TEATRO DIALETTALE “STEFANO FAIT” di LAIVES (BOLZANO) conseguendo il terzo posto nella categoria “gradimento del pubblico”.

Con lo spettacolo MANI DI LIBERTA’, il Gruppo Popolare Contrade ha partecipato alle manifestazioni in occasione del conferimento della Medaglia d’oro al Comune di Pescantina da parte della Presidenza della Repubblica e, nel gennaio 2008, ha vinto la sesta edizione del Concorso teatrale dialettale, organizzato dal Circolo “Noi S. Bartolomeo” di Villabartolomea – Verona, con la seguente motivazione: “Per la precisa ed accurata ricerca di usi, tradizioni e vicende storiche nella vita di un piccolo paese colpito da un evento doloroso come la guerra. La compagnia ha saputo riunire con delicatezza musica e testo in una sapiente opera teatrale.”

 

Con lo spettacolo CHE IL CIEL CI AIUTI! , il Gruppo Popolare Contrade ha vinto il premio assegnato alla miglior compagnia nel quattordicesimo (2015/2016) concorso teatro dialettale organizzato dal Circolo “Noi S. Bartolomeo” di Villabartolomea – Verona, con la seguente motivazione:"il gruppo ha saputo amalgamare le parti recitate con quelle cantate trasmettendo emozioni e mantenendo vivi nella memoria gli elementi essenziali del teatro popolare"